lunedì 7 dicembre 2015

LA CASTITA'



La parola deriva dal latino castitas, il nome astratto corrispondente a "castus", che originariamente indicava uno stato "puro" in conformità con la religione greco-romana, diversamente dalla controparte pratica di uno stato mentale "pio" (in latino "pius"), non limitato alla sfera sessuale.

In tempi antichi il valore della castità era oggetto di dibattito sia nella sfera eterosessuale che in quella omosessuale. In particolare, Socrate era un sostenitore delle relazioni pederaste caste tra uomini e ragazzi, in contrapposizione alle relazioni pedagogiche sessuali prevalenti all'epoca. Platone, che trasmise molti di questi insegnamenti ai posteri, è diventato l'eponimo di questo tipo di castità, noto come amore platonico. A causa delle varie proibizioni di intimità sessuali nelle religioni abramitiche (Giudaismo, Cristianesimo, Islam) derivanti dal Decalogo e dalla legge mosaica, il termine è stato spesso associato nella cultura occidentale con l'astinenza sessuale. Tuttavia, in un contesto religioso, il termine è applicabile a persone di tutti gli stati sociali, e ha implicazioni ben oltre la sfera dell'astinenza sessuale.

L’astinenza sessuale è l’abitudine a rinunciare a tutti gli aspetti che riguardano la vita sessuale. Generalmente lo si fa deliberatamente, per ragioni religiose o filosofiche, ma vi possono essere anche finalità pratiche, come ad esempio voler evitare gravidanze indesiderate, HIV ed altre malattie sessualmente trasmesse.

A volte lo si fa forzatamente, semplicemente perché manca un partner sessuale.
Molte religioni e sistemi etici vietano la pratica di attività sessuale se non si è regolarmente sposati, prescrivendo la castità.
Dopo aver avuto una importanza rilevante per moltissimi secoli, la castità è un valore che è andato via via sempre più perdendo di significato, soprattutto a partire dal secondo dopoguerra e dopo l’avvento dei contraccettivi orali e degli antibiotici, che permisero di evitare, o di poter curare, tutte le conseguenze negative procurate dall’espressione libera del desiderio sessuale. A partire dagli anni settanta, la castità prematrimoniale è divenuta solo un ricordo, almeno nelle società occidentali più avanzate. L’Italia non era fra queste, anche se lentamente anche da noi le cose sono cambiate ed ormai è diventato abbastanza normale che i due fidanzati abbiano avuto rapporti sessuali prima di arrivare al matrimonio.

C’è da dire che la norma morale della castità, anche prima degli anni settanta, veniva tranquillamente, ma segretamente, violata. I rapporti sessuali fra persone non sposate si sono sempre praticati, magari cercando di evitare la penetrazione vera e propria, in favore di accarezzamenti e toccamenti delle parti intime, definiti, con un’espressione inglese ormai entrata nell’uso, ‘petting’. In questo modo la verginità della ragazza era garantita, anche se era solo, potremmo dire, una verginità ‘tecnica’.
Si può scegliere la castità, come abbiamo detto, anche per motivi religiosi. In questo caso si parla di ‘ascetismo’, ovvero del rifiuto di avere a che fare con le cose che riguardano il mondo fisico e materiale, in favore di quello spirituale.

Si tratta insomma di una scelta di vita. Da un punto di vista psicologico va osservato però che non è infrequente che, soggetti che soffrono di fobie sessuali, ansia da prestazione, sensi di inadeguatezza, carenza di abilità sociali ecc. scelgano, attraverso la castità, la via più semplice per evitare di affrontare i loro disagi. (Tra i cosiddetti ‘casti’ infatti è molto praticata la masturbazione, il che la dice lunga sul problema).

C’è anche, tra gli uomini, chi sceglie la ‘vera’ castità, senza autoerotismo, nella convinzione che questa pratica permetta di risparmiare il liquido seminale, conservando le sostanze in esso contenute nel corpo, per migliorare lo stato di salute generale, di vitalità e di intelligenza (perché molte sostanze contenute nello sperma sarebbero presenti anche nel cervello).
In realtà queste teorie non sono più considerate valide, almeno da un punto di vista scientifico. Quello che si è appurato invece è l’esatto contrario: maggiori sono le eiaculazioni, minore è il rischio di ammalarsi di cancro alla prostata. Sono stati anche condotti studi, negli anni settanta, che hanno provato che la repressione della sessualità genera aggressività, insensibilità, comportamento criminale.

I fautori della castità pensano che occorre distinguere fra chi si astiene dalle attività sessuali per scelta e chi invece vi è obbligato. E’ chiaro, dicono, che chi mette in pratica questo comportamento perché obbligato dalle circostanze si senta represso e frustrato e dunque sviluppi comportamenti anti-sociali. Chi invece lo fa per libera scelta è una persona capace di gestire le proprie emozioni, capace di evitare determinati pensieri, o l’esposizione a situazioni che potrebbero essere sessualmente eccitanti.



Per quanto riguarda le tre religioni monoteiste, la castità è considerata sempre una virtù, per cui tutte raccomandano l’astinenza sessuale per i non sposati e la fedeltà al/alla partner durante la vita matrimoniale, se non si usano contraccettivi e si fa sesso allo scopo di mettere al mondo dei figli. Nel giudaismo e nell’islamismo i rapporti fra coniugi sono proibiti anche durante il flusso mestruale e per una settimana dopo.
Nelle religioni orientali, in particolare nel buddismo, l’attaccamento alle cose impermanenti è considerato una delle ragioni che causano maggiore sofferenza. Il sesso è la manifestazione più evidente di attaccamento alle cose impermanenti di cui dispongono gli esseri umani: per questo la castità è essenziale per raggiungere il Nirvana e liberarsi dalla sofferenza.

Come metodo di controllo delle nascite, l’astinenza sessuale consiste nell’astenersi dal coito nel periodo fertile della donna. Conosciuto come metodo Ogino-Knaus, sappiamo oggi che esso non è affatto efficace e che ha causato molte gravidanze indesiderate, a causa delle irregolarità che a volte le donne possono presentare nel ciclo.

Negli Stati Uniti recentemente si sono svolti dei programmi di educazione sessuale nelle scuole superiori, allo scopo di inculcare nei giovani la castità come aspetto positivo della vita, per limitare le gravidanze nelle adolescenti ed il contagio da HIV o altre malattie sessualmente trasmesse. Si è visto che questi programmi hanno avuto degli effetti diversi da ciò che ci si attendeva: i ragazzi infatti hanno rinunciato al coito, ma si sono dedicati al sesso orale. In questo modo restano vergini, senza rinunciare alla soddisfazione sessuale. Il problema però è che molti di loro non riescono a mantenere la promessa di castità che hanno fatto a sé stessi e, al primo rapporto sessuale, non sono preparati all’uso del preservativo, il che non previene assolutamente dal contagio e dalle gravidanze che si volevano evitare ed anzi va nella direzione opposta.




Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog a prezzi modici visita: www.cipiri.com .

Elenco blog AMICI

  • REDDITO di INCLUSIONE - *REDDITO di INCLUSIONE: * *CHE COSA E’ e a CHI SPETTA* *Approvata una misura di sostegno alle famiglie sotto la soglia* *di povertà. A ciascun nucleo aven...
    2 settimane fa
  • Numeri Identificativi per la Polizia Italiana - Codici Identificativi sulle Divise della Polizia Guadagnare tempo. Appellarsi a qualsiasi iter e cavillo legislativo pur di non far giungere il provvedim...
    2 settimane fa
  • M'illumino di meno 2017 - Il 24 febbraio 2017 torna M’illumino di Meno, tredicesima edizione. Caterpillar è in diretta dalle 18.00 alle 20.00 - RADIO RAI2 per seguire gli spegniment...
    2 mesi fa
  • Totò conobbe Pasolini - *Totò conobbe Pasolini* Roma, la città eterna, era il fondale dell’incontro tra Totò e Pasolini. Totò, o meglio, Antonio De Curtis (l’attore sarà semp...
    6 giorni fa
  • Meglio https per il Tuo Url - *ATTENZIONE! * *Mentre sei su FB, guarda il tuo indirizzo URL in alto. * *Se vedi "http:"invece di "https:" allora tu NON hai una sessione protetta e può ...
    1 settimana fa
  • Perché l'olio di palma fa male - Leggere tra gli ingredienti di un alimento confezionato il nome di un olio vegetale rassicura e lascia che l'assonanza vegetale-naturale-salutare faccia ...
    1 settimana fa